Stietel 10 min.



> continua la lettura
 

Stranizza D'Amuri. Franco Battiato

> continua la lettura
 

Ulisse e le sirene

Navigherete; ma il cammino, e quanto
Di saper v'è mestieri, udrete in prima,
Sì che non abbia per un mal consiglio
Grave in terra, od in mare, a incorvi danno

 ... Alle Sirene giungerai da prima,
Che affascìnan chïunque i lidi loro
Con la sua prora veleggiando tocca.
Chïunque i lidi incautamente afferra
Delle Sirene, e n'ode il canto, a lui
Né la sposa fedel, né i cari figli
Verranno incontro su le soglie in festa.
Le Sirene sedendo in un bel prato,
Mandano un canto dalle argute labbra,
Che alletta il passeggier: ma non lontano
D'ossa d'umani putrefatti corpi
E di pelli marcite, un monte s'alza.

> continua la lettura
 

Rifugio Vioz

“È bello salire,
perché si dimentica la terra,
si ricorda chi si ama,
e si pensa al cielo.”

Giacomo Maffei

> continua la lettura